Posted on 01 Mag, 2012 by Aeris --- 23 commenti

Nella Top 5 inevitabilmente iniziano a farsi sentire davvero fortemente le preferenze personali tanto che ero assolutamente convinta che non avrei rivelato chissà quali sorprese. In realtà è saltato fuori che, tolta la prima posizione (che è un po’ come chiedermi quale sia il mio anime preferito), nessuno aveva davvero idea di che cosa ci avrei infilato. Sono rimasta piacevolmente sopresa, nonostante sia la prova inequivocabile che quando parlo nessuno mi ascolta dato che questi momenti sono di dominio pubblico da qualcosa come 12 anni; ossia da quando mi è arrivato Internet.

5# Salvate Athena e voi stessi


Video: http://www.youtube.com/watch?v=NtInGsgj-Q8

Il sacrificio di Shiryu alla Decima Casa è senza ombra di dubbio una delle uscite di scena più spettacolari della serie. Non dico “la” solamente perché esiste Orion, altrimenti non ci sarebbe davvero storia. Tra l’altro deve essere una patologia che affligge tutti coloro che hanno a che fare con i Draghi quella di involarsi verso il cielo avvinghiati all’avversario; come se dovessero far sapere a mezzo mondo che si stanno sacrificando per riscuotere pianti ed applausi. Ad ogni modo, ogni volta che sento il suo “Salvate Athena e voi stessi“, non posso fare a meno di mettermi a frignare come una bambina di 5 anni; come se fosse la prima volta e non la milionesima che vedo sta’ scena. La verità è che un un po’ tutti amiamo Shiryu. Senza di lui si avverte un senso di smarrimento e di perdita che non si percepisce con nessun altro. E’ l’unico personaggio che ha profondi affetti anche al di fuori del gruppo. A differenza dei suoi compagni ha una casa che sente davvero come sua; un luogo al quale tornare, sempre. Forse non è il nostro personaggio preferito, ma inevitabilmente gli vogliamo tanto bene lo stesso. E gliene vogliono molto anche Seiya & comp. perché, in assenza di Shaina, la pagliuzza corta tocca sempre a lui. Non fatevi ingannare: Hyoga e Shun non stanno piangendo perché credono morto il loro amico. Sono disperati perché sanno che i prossimi saranno loro.

4# Perché loro a me credevano


Video: http://www.youtube.com/watch?v=fB3eVizzhUk

Nel post precedente ho detto che Asgard è tutta un momento; ora vi dico il perché. Quando penso ad uno scontro, uno a caso, delle Dodici Case mi viene sempre in mente una scena particolare; come se stesse ad indicare il culmine, l’apice del duello. Tanto che spesso e volentieri piuttosto che rivedermi l’intero scontro mi guardo solamente quella determinata scena. Ecco, con Asgard non ce la faccio. Se penso al duello contro Mime non riesco a scegliere nessun momento particolare, così capita regolarmente che alla fine mi sparo tutte quattro le puntate e buonanotte. Ecco il perché di questa quarta posizione. Esprime alla perfezione il riassunto di quello che è Asgard. Una saga triste e malinconica dove i Bronze sono costretti a combattere contro loro stessi. Dove per la prima volta i protagonisti non sono Seiya & comp. bensì i God Warriors. Nemici che per la prima volta impariamo a conoscere davvero, ad amare o anche odiare (qualcuno ha detto Artax?). E poi c’è Hilda, non serve che parli di lei perché è semplicemente il miglior personaggio femminile di tutto Saint Seiya. Anzi, è il mio personaggio femminile preferito in assoluto, da sempre. Prima di lei, solo Aeris. Ah, da notare che in sottofondo a questa scena c’è il tema musicale che amo di più; e lo si ascolta per la prima volta proprio qui. Quando si dice il destino.

3# Ne indicherò l’obiettivo


Video: http://www.youtube.com/watch?v=JjeoOwRyaYc

… o anche Ma porca puttana, Araki! Non potevate disegnarlo solo tu e la Himeno Saint Seiya? Roba che se tutti 114 gli episodi fossero stati realizzati così, il risultato finale sarebbe stato anche superiore a quello di Versailles no bara (Lady Oscar); universalmente riconosciuto come il capolavoro del magnifico duo. In breve, il Tenbu Horin di Shaka si piazza sul podio per una semplice e pura questione artistica. Questa è, banalmente, la puntata più bella mai realizzata su Saint Seiya. Ne ho parlato così tanto a tutti, e così tante volte, che sono assolutamente convinta che se buona parte del fandom pensa che sia la cosa più bella mai creata nella storia dell’animazione Giapponese è solo perché gliel’ho inculcato nella testa io a forza di grida. Ad onor del vero, c’è da dire che in questa puntata l’animazione è quasi del tutto assente. Non svolazza nemmeno un capello (effetto tanto caro ad Araki); procede a passo di primi piani, ricicli, sfondi perfetti ed un effetto 3D nel mantello di Shaka che ti fa pensare Oh my God!!! Da questo punto di vista, la prima puntata di Asgard è decisamente superiore; in quanto unisce a disegni da favola anche un’animazione davvero notevole. Aggiungiamo che questo momento non brilla nemmeno per quello che narra. Insomma, nel corso dei 114 episodi ci sono attimi ben più importanti e potenti di un Ikki che le busca. Qui la differenza la fa il come tutto ci viene raccontato. L’immobilità, la lentezza, i colori cupi, gli affreschi e la pioggia sono tutti elementi che creano un’atmosfera di indiscusso sconforto e di assoluta rassegnazione. Ti viene proprio da pensare che la Sesta Casa segni davvero la fine della corsa. Per la prima volta, dopo 57 episodi, non puoi fare a meno di credere che per tutti sia arrivata la sconfitta definitiva, questa volta sul serio.

2# Non sai cosa ti aspetta amico mio


Video: http://www.youtube.com/watch?v=JDL0eOGi2X0

L’epilogo dell’Ottava Casa non raggiunge la prima posizione unicamente per un motivo: è disegnato di merda. E’ incredibile come un episodio realizzato con i piedi che reca offesa alla splendida storia che narra ed insulta la bellezza indiscussa di Milo, riesca comunque ad essere bellissimo. Ad ogni modo, amo questo momento principalmente per due ragioni. La prima è Hyoga. In questa scena, per la prima volta, sentiamo il Cavaliere del Cigno parlare di amicizia, lealtà e dedizione. Questa puntata è la chiave di volta del suo personaggio che, in realtà, sino a questo momento poteva sembrare anche decisamente più solitario e meno incline al sacrificio di quanto non lo sia un Ikki . E’ la puntata in cui inizia la sua crescita come Cavaliere e come uomo. Se la scintilla viene accesa alla Settima Casa da Camus, è solamente all’Ottava che Hyoga inizierà davvero il suo cammino; prima spinto dal sacrificio di Shun e poi spronato da Milo che, quasi prendendolo per mano, lo indirizza verso lo scontro finale. E qui si arriva alla seconda ragione, ossia Milo. Ormai non ho più parole per descrivere l’amore viscerale che provo verso il Cavaliere dello Scorpione; ma posso dire che è nato qui. Come avrete intuito grazie a Shaka, io ho una particolare predilezione per i personaggi che sanno mettersi in discussione e Milo, questo, lo fa davvero in grande stile. Non solo per tutto il combattimento cerca di far desistere Hyoga dalla lotta per rispetto verso Camus… Ascolta le sue ragioni, motivandolo, rispettandolo, sconfiggendolo ed infine, salvandolo. Come posso non amarlo?

1# Non può, non può. Sto uscendo di senno


Video: http://www.youtube.com/watch?v=_SFMqBSmEmk

Alla Snai la prima posizione era data a 1,2… Anzi, manco era quotata. Ci era arrivato pure mio padre che, vi giuro, ancora oggi non ha idea di cosa siano quei modellini che impestano la mia camera. Su questo momento ci sarebbe da aprire una parentesi enorme. La versione Italiana differisce non poco rispetto a quella Giapponese. Nel doppiaggio originale, infatti, Camus non prova assolutamente nessuna forma di gelosia verso Hyoga che lo supera, anzi, è esattamente il contrario. Ne è assolutamente entusiasta; tanto che lo guarda con adorazione; come se il Cigno fosse il suo capolavoro: cosa che in effetti è. La versione Italiana, invece, mostra un Camus più vulnerabile, più umano. Lo dipinge come un maestro che fa di tutto per essere superato dall’allievo ma che, allo stesso tempo, ne prova rimpianto e sì, anche vergogna. Onestamente mi piacciono entrambe le versioni, ma non posso fare a meno di pensare che l’interpretazione Italiana metta in luce un aspetto del Cavaliere di Aquarius che si percepisce anche nell’opera originale ma che Kurumada non ha mai voluto approfondire veramente. Ad ogni modo, a dispetto dell’adattamento che preferite e di tutte le infinite discussioni che ne possono seguire, una cosa non cambia: questo momento è il culmine di Saint Seiya. E’ poesia, è bellezza, è perfezione perché in questa scena sono racchiusi tutti, ma proprio tutti, i motivi per cui amo i Cavalieri.

Aeris (40 Post) Gira sul Web dall'inizio del nuovo millennio e da allora ha fatto un sacco di cose inutili. Legge tanto, tiene a mente tutto ma posta pochissimo, ecco perché non avete mai sentito parlare di lei. Dal 1990 continuano a chiederle quale sia il suo Cavaliere d'Oro preferito; quelle persone stanno ancora aspettando una risposta.

Categories: Hit Parade, Saint Seiya

 

Tagged as: ,

23 Responses so far.

  1. Yaka ha detto:

    che dire, sono d’accordo praticamente su tutto! (tranne su hyoga e shun che non piangono per shiryu XD)
    e poi hai messo al primo posto la mia puntata preferita… :occhidolci:

  2. Aeris ha detto:

    Ma va Pas! Guarda bene la faccia di Hyoga mentre guarda Shiryu salire al cielo. Ti sta proprio dicendo “E mo’ son caxxi. Il prossimo mi sa che sono io”.

    XD

  3. Seiya87 ha detto:

    Però mi stupisco che non ci sia la morte di Athena D:

  4. Aeris ha detto:

    Solo 114. Sanctuary escluso, se no la Top5 diventava Top10. Magari più avanti quella! <3

  5. Aldebaran ha detto:

    Mia Regina, hai dimenticato di inserire il momento in cui il Tuo Siegfried si sacrifica per ‘salvarti veramente’!
    Sì, lo so.. hai scelto per quello precedente del Dragone, preferendo un’icona generale della Poesia di Asgard..
    Però dovevo dirtelo lo sai! Mio dovere di Tuo Primo Cavaliere!
    E coomunque complimenti per sto blog spettacolare!!!

  6. Aeris ha detto:

    E’ che con Asgard non ce la faccio. Dovrei metterle tutte queste scene. Ho preferito inserire quella che le riassume tutte. T_T

  7. Dave ha detto:

    Cioé, ho letto un pezzo del tuo blog, e a tempo zero e in sequenza mi sono visto:
    – Ci oscureremo in un mondo di luce
    – Non sai cosa ti aspetta amico mio
    – Salvate atena e voi stessi

    Di cui secondo me vince palesemente l’ultima… ma sto arrivando a sua eccellenza
    – Non può non può essere, sto uscendo di senno…

    ti saprò dire dopo questa.

  8. Dave ha detto:

    … vince “salvate atena e voi stessi” ai punti secondo me…

  9. Aeris ha detto:

    Eh, sono tutte scene che meriterebbero di comparire negli annali dell’animazione giapponese per phatos e climax. Il sacrificio di Shiryu è splendido; se non raggiunge la prima posizione è solamente perché nè lui nè Shura sono tra i miei pg. preferiti; altrimenti… *_*

  10. Dave ha detto:

    in realtà ora sto per spolverare asgard… e lì ho La scena…
    “Dobbiamo imparare ad amarci prima che scenda la notte. E per amarci, imparare a conoscerci e capirci. Come fratelli.”

    Ikki rulleggia.

  11. Dave ha detto:

    E comunque vorrei il tuo sforzo cosmico di top 5 scene di Asgard…

  12. Aeris ha detto:

    La top 5 delle scene di Asgard è dura, durissima; proprio per questo ho barato spudoratamente mettendo l’unica scena che riassume il tutto. Però ci posso provare, sigh… T_T

  13. Aeris ha detto:

    Classifica di forza? OMG. The war is coming.

    • Dave ha detto:

      ovvio… e di cosa se no? di cosa si dibatte dalla notte dei tempi su saint seiya se non su “Quale è il cavaliere d’oro più forte?”

  14. Aeris ha detto:

    In realtà volevo rimandare questa classifica all’anno del mai. Ahahah! XD

  15. Aeris ha detto:

    In realtà l’affronto tutti i giorni da quasi 25 anni. Da quando mi è arrivato l’internet, poi, è la causa principale per cui soffro di ulcera. X_X

  16. Dave ha detto:

    e allora nn puoi esimerti. -.- e lo sai…

  17. Sirio89 ha detto:

    Realizzando la raccolta di snapshot della serie classica mi sono reso conto di quanta differenza di qualità ci sia tra un episodio ed un altro. In riferimento in particolare alla seconda posizione, giuro che guardando l’episodio (forse proprio preso dalla foga del sentimento) non avevo mai fatto caso all’evidentissimo calo di qualità. Al contrario, dando uno sguardo alle immagini statiche tratte dagli episodi, non posso credere a quanto scarsi siano i disegni, soprattutto se confrontati con i picchi che invece si raggiungono negli episodi disegnati e diretti dai due maestri citati in merito alla terza posizione.
    Comunque credo che non riuscirei mai a fare una “classifica” dei best moments, ma tra quelli citati forse il preferito è il sacrificio di Shiryu (chissà perché). Giuro che sul commento delle espressioni di Hyoga e Shun mi sono piegato in due dalle risate (anche se quello che ne ha buscate di più alla fine è stato proprio Seiya – e se le è meritate tutte!)

  18. Aeris ha detto:

    Eh, purtroppo per l’epoca era normale questo divario tra un episodio e l’altro. Le puntate, di solito, sono affidate a 4/5 studi che ruotano, quindi a ogni giro di 4/5 salta fuori lo stesso disegnatore, più o meno. Che poi non è che disegnatori come Kobayashi, Naoi o Sasakado siano incompetenti; è solo che quando c’è il confronto con Araki poi qualsiasi cosa diventa impietosa. Vabbeh, cmq spero che quello che ha disegnato l’epilogo dell’ottava casa, Kawai, abbia cambiato lavoro.

    Cmq, pensa che se tu fai fatica a fare la classifica dei momenti, io ne una anche per “Gli Episodi” e per “Gli Scontri”. E sono TUTTE diverse. lol

    Eh sì, Hyoga e Shun piangono perché sanno che saranno i prossimi. Come biasimarli. X’D

Leave a Reply to Aldebaran